VideoGame TRACK

Winx Club – Il Segreto Del Regno Perduto – Recensione Film

Winx Club – Il Segreto Del Regno Perduto è il primo film dedicato a Winx Club, ed è stato interamente realizzato in CG (Computer Grafica).

Modelli 3D e Texture

Trattandosi di un film in CG, la prima cosa che andremo a trattare sarà la veste grafica. Il film comincia con la canzone “Unica”, dopodiché assistiamo alla presentazione della Pagoda di Hagen, una sorta di tempio, piuttosto evocativo. La trasformazione non fatica ad arrivare, e infatti ecco le sei Winx che sfoggiano per la prima volta l’Enchantix in 3D, di buona fattura, ma un po’ troppo corto.
I modelli dei personaggi sono buoni, soprattutto per le Winx, mentre talvolta le texture degli altri comprimari (come gli specialisti, Faragonda e Hagen) risultano meno curate del previsto.
Sempre per gli specialisti, i capelli di Riven sono diversi da come appaiono in tutte e 4 le serie del cartone (inspiegabilmente), i tratti del viso di Sky, soprattutto gli occhi, sono diversi e infine le texture della pelle di Faragonda, Hagen e altri personaggi sono talvolta poco appropriate.
Se le texture o i modelli di alcuni personaggi lasciano talvolta a desiderare, lo stesso non si può dire di rocce, librerie, edifici e quant’altro, realizzati molto bene, sicuramente il punto forte di questo film, tanto che più di una volta potrebbero stonare con i personaggi al loro interno.

La trama in breve

Al contrario delle aspettative, il film non è il solito film-filler fine a sé stesso, infatti ci spiega finalmente il destino dei genitori di Bloom, argomento portante delle prime stagioni del cartone animato, e si svolge tra la terza e la quarta stagione della serie. Il film, infatti, inizia con la ricerca di Hagen, ex-membro della Compagnia della Luce e forgiatore della spada del padre di Bloom, e darà alla ragazza gli indizi necessari per continuare la sua ricerca. Ovviamente questo cammino non sarà certo tranquillo, infatti troveremo nuovi alleati e nuovi nemici, oltre che una piccola sorpresa alla fine del film.

Sonoro e doppiaggio

Quasi tutti i doppiatori sono rimasti gli stessi, ma ho notato che Sky, uno dei personaggi più importanti di questo film, è interpretato da un doppiatore diverso da quello della serie. Oltre a non capire la scelta, è alquanto ovvio che i dialoghi non sono altrettanto coinvolgenti: il film, essendo basato su Bloom, non può che riguardare anche il suo ragazzo, Sky, che infatti appare abbastanza spesso.
A parte questo dettaglio, il doppiaggio è lo stesso della serie, quindi di buon livello per tutti i personaggi.
Per quanto riguarda le musiche, durante la trasformazione Enchantix del film troviamo la nuova canzone, ovvero quella della terza serie, peccato, la prima versione era più appropriata a mio avviso, mentre le altre canzoni e musiche sono inserite al momento giusto e sottolineano al meglio la scena di appartenenza.
Infine, anche gli effetti sonori corrispondono al suono previsto, comprese le magie.

Conclusione

Winx Club – Il Segreto Del Regno Perduto gode di paesaggi ed edifici ottimamente realizzati, così come delle sei fate protagoniste, ma lo stesso non si può dire delle animazioni o le texture degli altri personaggi, inappropriate o non del tutto fedeli alla serie animata. In definitiva si tratta di un prodotto per i fan del cartone, che sicuramente non rimarranno delusi, ma se non lo siete guardate altrove, ad esempio i quattro film di Shrek o Rapunzel tanto per citare alcuni dei film in CG più famosi (e apprezzati).

http://www.youtube.com/watch?v=LcobU8Uo5jQ

Pro

+ La trama è collegata direttamente alla serie, non è un filler
+ La realizzazione 3D delle fate Winx è fedele alla serie animata
+ Molto buona la realizzazione grafica di edifici e scenari

Contro

– Alcune texture e dettagli grafici sono inappropriati o diversi dal cartone
– Il doppiatore di Sky non è lo stesso della serie (e nel film appare troppo spesso per non notarlo)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.