#TracerWatch – I culi sono di nuovo polemica

Diciamocelo, questo sito ormai parla spesso di culi e tette, ma in fondo va bene così, se poi avete altre preferenze non so che dirvi.
Quindi anche oggi, come nel caso di Dead or Alive Xtreme 3, parleremo di un’altra polemica a sfondo femminista (in teoria). Nel caso di DOAX3 in realtà non si era lamentato nessuno per i contenuti del gioco, ma dopo quello che vedrete all’interno di questo articolo, capiremo che probabilmente la polemica effettiva ci sarebbe stata, eccome!

Oggi parleremo dunque del caso TracerWatch:

Tracerwatch

Vi piace questa posa? Bene, a quanto pare la rimuoveranno presto. Il motivo? A una persona non piaceva. Non sto esagerando ragazzi, a UNA persona non piaceva. Non so quanto ci sia di vero in tutta questa storia, come nel caso di DOA Xtreme 3 spero sia tutta una trovata commerciale “poca spesa, tanta resa”, ma non so più cosa pensare, quindi vi propongo i fatti per quello che sono stati.

L’utente Fipps si è lamentato con un lungo post di quanto Tracer fosse rappresentata come un “banale sex symbol” nella posa “Over the Shoulder”. A detta sua (e giustamente), Tracer è “una ragazza agile, scattante e un po’ sciocchina”, in fondo ci piace per questo, no? Però no, una posa del genere è fuori contesto, e cito “ho una giovane figlia che ogni giorno vuole rivedere il Recall trailer del gioco. Sa chi è Tracer e, quando crescerà, potrà crescere al fianco di questi personaggi”. Cioè fammi capire papà Fipps, tua figlia “giovane” (7 anni? 10? 13?) tra poco più di un mese giocherà un gioco in cui la gente si SPARA IN TESTA con pistole, lanciarazzi e mitragliatori, ma un personaggio come Tracer, completamente vestito da capo a piedi, non può avere una posa di vittoria di spalle perché si vede il culo? Fipps, ma che cacchio di problemi hai?!

Il problema è un altro, ovvero che in seguito alla lamentela (assolutamente sterile) di questa singola persona, Jeff Kaplan (designer di Overwatch) è corso subito ai ripari annunciando la rimozione della posa in questione con il seguente messaggio: “l’ultima cosa che vogliamo è che qualcuno si possa sentire a disagio, poco apprezzato o male interpretato” e “abbiamo deciso di mettere un’altra posa perché condividiamo parte di quelle preoccupazioni, ma anche perché vogliamo creare qualcosa di migliore”.

Manco a dirlo la rete si è scatenata (giustamente) contro questa stupida ideologia, non possiamo saltare da “donna oggetto” a “copriamo tutto” ogni volta, ci sarà pure una via mezzo? Ebbene questa c’era, ma siccome ad una persona ha dato fastidio, cancelliamo tutto, cambiamo nazione e partiamo per lo spazio.

E se a me non piacesse Roadhog perché promuove l’obesità? E se trovassi stupido che un gorilla possa parlare? E se Zarya avesse il braccio più grosso del mio torace e mi sentissi minimizzato come uomo?

Ragazzi: è un fottuto GIO-CO. Se dovessimo rompere le palle ogni volta che c’è un personaggio stilisticamente strano o una ragazza carina in un videogioco, non ci sarebbero più giochi. E allora Angry Birds che ti fa lanciare uccelli con la fionda? Non è che mia figlia un domani si metterà a tirare le aquile con la balestra? Mi dispiace, ma da qualsiasi parte guardiamo questa polemica di Tracer, non riesco a trovare un motivo valido per rimuovere una posa normalissima in cui una ragazza completamente vestita è girata di spalle.

La lamentela di uno stronzo a caso ci sta tutta, ma dargli anche retta per una cosa del genere proprio no, dai. Inutile a dirlo, sono già uscite delle immagini per scherzare sulla vicenda (anche se servirebbe un enorme grosso palmface in casi come questo):

E ricordate bambini, sono QUESTI i problemi della società, non che in America si possa guidare dall’età di 16 anni o la criminalità diffusa, il problema è un culo virtuale coperto completamente da almeno due strati di vestiti. Bambine non credete ai vostri papà, voi non avete il sedere, la schiena finisce direttamente nelle gambe, non lasciatevi fregare.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.