Sonic Unleashed – Recensione PS3

Inizio subito con il dire che questo gioco potrebbe provocare frustrazione e perdita di capelli, ma proseguiamo nel dettaglio…

Premessa

Sonic è la storica mascotte SEGA, protagonista del platform omonimo diventato famoso ai tempi del mitico Megadrive per la possibilità di sfrecciare per i livelli a velocità supersonica (possiamo dire unico nel suo genere). Dopo due capitoli su Dreamcast (Sonic Adventure), ed un deludente approdo su console Next Gen con “Sonic The Hedgehog” (uscito a sviluppo incompleto, e si vede!), SEGA ci riprova, proponendo un altro Sonic in 3D, ma riprendendo la formula di quei capolavori che sono gli storici Sonic in 2 dimensioni…ma non certo senza difetti, ancora.

Trama

Il gioco viene introdotto da un ottimo filmato in Computer Grafica (Sonic su PS4 dovrà essere così!!). Il dettaglio in alta definizione è senza sbavature e introduce piacevolmente alla storia!
Sonic, durante l’ennesimo tentativo di fermare Eggman, viene catturato ed incidentalmente colpito dal raggio per risvegliare l’antico demone delle viscere del pianeta Terra (Dark Gaia).
Sonic risente degli effetti collaterali del raggio, diventando…Sonic Mannaro! Verremo quindi scaraventati sul pianeta, dove faremo conoscenza con l’altro protagonista che ci farà da “spalla”, e che ci terrà compagnia per tutta l’avventura, il cui nome è Chip, il quale non ricorda nulla per colpa di una botta in testa!

Grafica

I personaggi godono di un’alta quantità di poligoni, infatti Sonic Mannaro risulta molto bello da vedere, anche grazie alla realistica riproduzione del pelo, stesso discorso per la versione normale: non è mai stata così splendente ed espressiva! Le ambientazioni sono molto varie, si inizia da una città Greca (moderna) per arrivare ad una metropoli moderna, una città nel deserto, zone glaciali, antica Cina, e la Savana! Gli stages sono estremamente curati e dettagliati, inoltre sono davvero immensi ed apprezzabili nonostante la velocità di gioco durante i livelli di giorno! Durante i livelli di notte (in cui useremo il Sonic mannaro) la prima cosa che colpisce sono i tantissimi colori che si disegnano sullo schermo! Infatti da un lato avremo un blu scuro che avvolge tutto l’ambiente, dall’altro dei nemici luminescenti e ambienti colorati grazie a luci ed effetti grafici che si alternano sullo schermo.
Insomma graficamente il lavoro svolto sarebbe davvero ottimo, ma ci sono sezioni (soprattutto notturne) con textures e modelli di scarsa qualità, per non parlare del framerate di alcuni livelli notturni, a volte talmente basso da farci credere che si sia compromesso il lettore della nostra PS3. Credo di aver reso l’idea, eh?
Fortunatamente i livelli di giorno sono (stranamente) quasi del tutto esenti da questo problema e, quando si presenta, non incide direttamente sulle sorti del personaggio, mentre nei livelli notturni ci conduce direttamente o indirettamente alla morte.

Gameplay

Il gioco si divide in tre parti: esplorazione, livelli diurni, livelli notturni.

Esplorazione: in pratica per ogni “continente” avremo una capitale da esplorare, dove potremo raccogliere informazioni e subquest dai personaggi, trovare oggetti nascosti, acquistarne nei negozi e proseguire con la trama (anche se non è assolutamente bello come sembra). In ogni città è presente una speciale zona in cui sbloccare i nuovi livelli da giocare (o se siete pigri potrete sceglierli direttamente dalla mappa del mondo, ma solo dopo averli completati almeno una volta).
Durante questa fase controlleremo Sonic normale o mannaro, ma nel primo caso il personaggio si muove ad una velocità incontrollabile, mentre nel secondo caso il framerate cala inspiegabilmente a livelli imbarazzanti. Ricordo che la fase esplorazione consiste solo nel muoversi in questa città per parlare con le persone, quindi certi problemi non pensavo proprio di trovarli anche qui.

Livelli Diurni: Questi sono i classici livelli che uno pretende da un gioco come Sonic e sono a dir poco fantastici.
A scorrimento orizzontale, muoveremo Sonic attraverso grandi ed impegnativi livelli sfrecciando da una piattaforma all’altra, cercando di prendere più anelli e bonus nascosti possibili, scegliendo quale strada prendere durante il percorso, risolvendo (talvolta) piccoli puzzle per proseguire, che per fortuna non spezzano troppo l’azione veloce. Il lavoro svolto è perlopiù ottimo, i livelli sono tutti ben costruiti e offrono una discreta sfida, inoltre chi vuole mettersi seriamente alla prova può cimentarsi in quelli più difficili, sbloccabili raccogliendo le medaglie Sole.
Per capirci meglio, se Sonic Unleashed avesse avuto solo livelli diurni, sarebbe stato almeno un gioco da 8.5, credetemi.

Livelli Notturni: Qui vestiremo i panni del Sonic mannaro (difatti è solo di notte che il porcospino blu si trasforma) e i livelli si svolgeranno come un classico Action alla God of War con (un po’ troppi) elementi platform, saltando tra piattaforme e risolvendo semplici enigmi. In quanto sezione “Action”, col proseguire del gioco diverranno disponibili decine di combo da usare; inoltre dopo un certo numero di uccisioni caricheremo la barra “Unleashed” (da qui il titolo del gioco) che ci permetterà di utilizzare per un tempo limitato Sonic all’ennesima potenza! Queste sezioni alla prima partita risultano piuttosto lunghe da superare e inizialmente abbastanza divertenti.
Si, inizialmente, perché in seguito diventeranno, come dicevo all’inizio, la vostra fonte primaria di frustrazione e non solo. Il numero di combo è vasto, ma il problema è tutto il resto:
il framerate è troppo instabile, a volte non si riesce nemmeno a capire cosa stia succedendo, alcuni mostri risultano davvero sbilanciati (soprattutto api/vespe giganti, insopportabili), ci sono sezioni platform assolutamente inadatte per il sistema di movimento dei livelli Notturni, e altro ancora.
Volete un esempio? Ad un certo punto dovrete spostarvi tra dei grattacieli camminando su travi sottili sospese nel vuoto, che talvolta cederanno al vostro passaggio, il tutto per premere un bottone e tornare quasi a inizio livello ancora percorrendo queste travi. Non vi basta? Sappiate che su un grattacielo c’è pure un Boss che vi può buttare giù da esso in una manciata di secondi, provocando un’onda d’urto che vi butterà sul bordo, mentre la seconda onda d’urto sarà eseguita direttamente mentre siete per terra, senza possibilità di reagire. Ancora non vi basta? I checkpoint sono disposti a casaccio, più andrete avanti, e prima vi accorgerete di aver letteralmente perso venti minuti per niente, a causa di sezioni assolutamente frustranti alternate a sequenze di checkpoint al limite dell’imbarazzante.
Probabilmente a parole non rende, dovreste giocarci per capirlo, ma in fondo non so se consigliarvelo davvero.

“Livellamento”: per ogni nemico sconfitto riceveremo dei cristalli gialli, che ci permetteranno di potenziare le caratteristiche dei due Sonic, come velocità, Forza, Vita e altro.

Sonoro

E’ tradizione per ogni gioco di Sonic avere una colonna sonora coinvolgente e varia che sappia accompagnare il giocatore nei numerosi livelli, questo capitolo non fa eccezione, anzi ogni livello ha una colonna sonora tutta sua, adatta all’ambiente che ci circonda. Da segnalare poi lo stupendo Main Theme (Endless Possibility) e la presenza per i nostalgici dei soliti effetti sonori che ci accompagnano degnamente sin dagli albori della serie. Per quanto riguarda il doppiaggio, è disponibile sia in Inglese che in Giapponese, e ancora una volta ho preferito decisamente quello Giapponese, dopo averli sentiti entrambi.

Longevità

Nel bene (e nel male!) il gioco dura svariate ore, purtroppo non riesco a quantificarle precisamente perché il gioco non me lo indica, ma sicuramente per arrivare al livello finale (senza perdere tempo con subquests ecc) richiederà almeno 10 ore. Inoltre ci sono numerose sottomissioni (subquests), ma sinceramente penso sia più facile gettare il gioco dalla finestra dopo aver finito l’ultimo livello, altro che subquest all’interno degli stessi (frustranti) livelli!
Tra gli altri extra ci sono video da sbloccare, le musiche del gioco, artworks e informazioni. E qui arriva un altro, grande problema. All’interno dei livelli troverete (più o meno nascoste) delle medaglie Luna e Sole, poco più grandi di un anello. All’inizio penserete (giustamente) che si tratti di medaglie per “completisti”, che solo i più fissati (diciamo anche pazzi) decideranno di cercare e raccogliere. Invece no, ad un certo punto vi accorgerete che per affrontare gli ultimi livelli della storia (quindi non subquests o simili) vi serviranno almeno una novantina di medaglie Sole e altrettante Luna per avere accesso agli ultimi livelli. Potete immaginare la mia enorme frustrazione nel ripetere livelli che avrei voluto dimenticare per sempre, solo per raccogliere qualche medaglia nascosta chissà dove, e ricordiamo nascosta, visto che in teoria si trattava di oggetti collezionabili, e non veramente necessari come invece ci farà capire il gioco verso la fine.

Conclusioni

Sonic Unleashed non è un gioco veramente difficile in sé, il problema è che è veramente frustrante (ok, lo avrò detto tante volte, ma è il termine perfetto per questo gioco). I livelli Diurni e le musiche sono stupendi, il doppiaggio e la grafica sono generalmente convincenti, ma tutto il resto è da buttare. Le sezioni platform nei panni di Sonic mannaro (livelli Notturni) farebbero perdere la pazienza ad un santo, alcuni combattimenti sono fortemente sbilanciati, i checkpoint negli ultimi livelli Notturni sono disposti a casaccio, i momenti di esplorazione di giorno sono rovinati da un Sonic che scivola peggio di una saponetta a pattinaggio, il framerate è deludente e altro ancora…
I pregi del gioco vengono senza dubbio oscurati dai difetti, ma il titolo riesce nonostante tutto a meritare la sufficienza, complici i livelli Diurni a dir poco fantastici (da non confondere con l’esplorazione).

GRAFICA: 7.5
SONORO: 8.5
GIOCABILITA’: 6
LONGEVITA’: 8
TOTALE: 6

+ Livelli Diurni irresistibili
+ Tantissimi bonus da sbloccare
+ Colonna sonora e doppiaggio riusciti
+ Modelli poligonali dei personaggi davvero apprezzabili
+ Dura svariate ore…
– …visto che ti obbliga a rigiocare interi livelli solo per trovare delle dannate medaglie, inizialmente presentate come oggetti secondari
– Livelli notturni da dimenticare
– Framerate imbarazzante nelle fasi notturne e di esplorazione
– Bug
– Sonic si muove alla stessa velocità sia sulle piste che nelle città della fase esplorativa
– Fasi Diurne a parte, il gioco è assolutamente frustrante
– Alcuni scontri nelle fasi notturne sono decisamente sbilanciati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.