Smartphone e sicurezza: iOS VS Android

Se state cercando uno smartphone completo, ricco di applicazioni e versatile su cosa puntate? Se sia meglio iOS o Android è un tema ormai comune su migliaia di forum, blog o siti e se ne potrebbe discutere all’infinito, senza trovarne uscita, semplicemente perché è un gusto personale. Ma se parliamo di sicurezza? Si tratta ancora di una discussione opinabile? A mio avviso no, io infatti non avrei dubbi in merito, iOS è nettamente più sicuro! Prima fra tutte, una causa di ciò sta nella concezione dei due sistemi operativi, come ben saprete Android è opensource, iOS no. Questo incide sulla sicurezza, nel senso che le app per iPhone sono molto più “filtrate” rispetto a quelle dell’Android Market, questo indubbiamente può causare noie agli sviluppatori, ma l’utente è certo di avere un applicazione sicura sul suo dispositivo. Lo store per Android non ha gli stessi pesanti filtri, questo rende molto più facile creare programmi e metterli in vendita ed è anche più economico, ma cosa viene veramente messo in vendita? Infatti per un programmatore è davvero facile inserire all’interno delle sue applicazioni codice malevolo che potrebbe danneggiare l’utente, può impossessarsi di dati sensibili, insomma una volta che eseguite l’app sul telefono può accadere qualunque cosa, recentemente infatti sono stati rimossi oltre 22 malware dal Market Store. CNET poi ha dichiarato che il numero di Malware su android è più che raddoppiato in

soli sei mesi, è questo dato è destinato a crescere ancora, c’è da dire però che questi programmi pericolosi si trovano per la maggior parte su store alternativi, ma l’Android Market non è completamente immune.

Un’ altra questione spinosa di questi tempi è Carrier IQ, per chi non lo sapesse, questo programma è intrinseco in diversi sistemi operativi mobile, è stato trovato su iOS, Android, BlackBerry e Nokia. Questo sistema è talmente radicato nei sistemi da renderne impossibile la rimozione, se non riscrivendo il codice del sistema operativo, cosa assolutamente impensabile per gli utenti. Ma cosa fa in pratica Carrier IQ? Beh diciamo che è in grado di inviare informazioni, prese dal telefono, ad un server remoto, però su quali informazioni reperisce la questione è tutta aperta.
In quanto pesantemente immischiati nella questione, gli operatori telefonici dichiarano che è in grado di inviare, a questi ultimi, solamente informazioni di poco rilievo per l’utente, per esempio sfrutta il GPS per vedere la qualità della banda ovunque ti trovi. Ma è davvero cosi? Beh, un utente ha dimostrato che non è assolutamente vero, infatti il programma è in grado di prelevare qualunque informazioni dal telefono, compiendo la funzione di vero e proprio keylogger, infatti in un video (linkato di seguito) si vede come sia in grado di registrare la pressione di qualunque tasto sul telefono, può copiare messaggi e vedere qualunque altra informazione, inviando poi il tutto ad un server remoto. Io sono più propenso a credere all’utente che ha scoperto questo fatto gravissimo, piuttosto che agli operatori, che hanno tutti gli interessi ad insabbiare la faccenda.
Questo programma in ogni caso viola la privacy degli utenti, infatti agisce senza alcuna autorizzazione e di nascosto, non vedo il motivo di tanta segretezza se inviasse solo dati sulla banda o simili. La questione non è stata presa alla leggera, infatti il 30 novembre 2011 il Senate Committee degli Stati Uniti, ha inviato una lettera ai creatori di Carrier IQ, in cui avverte questi ultimi del fatto che hanno violato delle leggi federali e che ci potrebbero essere pesanti conseguenze.

Anche da questa questione però Apple esce vittoriosa in un certo senso, infatti è stata l’unica compagnia a rilasciare dichiarazioni sull’accaduto rassicurando i suoi utenti, pare infatti che in iOS 5 sia stato tolto qualunque supporto a Carrier IQ e che nel prossimo aggiornamento sarà rimossa ogni traccia, inoltre iPhone è l’unico telefono che permette di abilitare o disabilitare questa funzione a differenza degli altri smartphone, basta infatti andare su Impostazioni>Generali>Info>Diagnosi e Uso e scegliere di non inviare le informazioni.

Concludendo, i cellulari emettono grandissime quantità di dati, per la maggior parte riservati, e in quanto a sicurezza è meglio non scherzare, pochi di noi penso non avrebbero alcun interesse che altri leggano tutto quello che scriviamo, quindi io su questo tema non ho dubbi per quanto riguarda la scelta e voi?

3 Comments

on “Smartphone e sicurezza: iOS VS Android
3 Comments on “Smartphone e sicurezza: iOS VS Android
    • si beh, trova un’altra scusa come si suol dire.
      Vedi anche “se mettevamo il plugin flash poi chi si comprava ifart e stronzate simili quando potevi averle gratis sui siti di giochi in flash ecc?”
      QUESTO, sarebbe stato più coerente

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.