Momento polemico – Final Fantasy VII Remake

Nuova occasione di fare polemica, parleremo di un prodotto di Square-Enix, ma questa volta lo difenderò a spada tratta.

Parliamo dell’attesissimo Final Fantasy VII Remake, questa volta la polemica non è mia ma di molti giocatori di “vecchia data” pronti a far fuoco sulla sede Square-Enix per aver deciso di adottare un combat system action-oriented (pur mantenendo elementi RPG come prevedibile), simile a quello di Final Fantasy XV.

Ora, parliamoci onestamente: cosa vi aspettavate? Immagino che molti di voi avrebbero voluto un Final Fantasy VII tale e quale, sempre con combattimento a turni, con una veste grafica degna di una PlayStation 4, ma che senso avrebbe avuto? Se volete il gioco tale e quale, solo con la grafica rinnovata, allora dovreste semplicemente scaricarvi qualche mod per la versione PC e potrete giocare fin da subito il vostro FFVII modificato.

Mi dispiace, ma non posso non prendere le difese di Square-Enix a questo giro, hanno fatto la scelta migliore. I tempi sono cambiati, le tecnologie anche, e ovviamente anche le possibilità a livello tecnico. Spesso si tende a dimenticare che il combattimento a turni era, tra le altre cose, anche un’esigenza e non solo una scelta. Immaginatevi lo scontro tra Cloud e Sephiroth di FFVII, a turni, ultra-statico, solo con la veste grafica rinnovata, poi provate a immaginarvi il video sottostante tradotto in un combat system Action/RPG:

Volenti o nolenti, non si può più usare un sistema di combattimento a turni per prodotti che ormai hanno raggiunto una qualità cinematografica, tra salti, acrobazie e momenti epici che sfigurerebbero in un contesto statico e lento come quello dei Jrpg con combattimenti a turni. Lo stesso Yoshinori Kitase del Final Fantasy VII originale, coinvolto anche nel progetto del remake come produttore, ha confermato che questo nuovo gioco è ciò che avrebbero voluto fare al tempo a livello di spettacolarità, combattimento in tempo reale e tutto il resto. E come gli si può dare torto in fondo? Nel 1997 non c’era la tecnologia necessaria per ottenere un prodotto del genere, ma ora i tempi sono maturi ed è giusto sfruttarli: finalmente uscirà un Final Fantasy VII come dio (o Yoshinori Kitase?) comanda, con tutte le luci, esplosioni e momenti epici del caso. Se avessero potuto farlo al tempo, lo avrebbero fatto.

Non fraintendetemi, a me non dispiace il combattimento a turni, tutt’oggi sto giocando titoli come Suikoden, Final Fantasy VIII e altri, ma a mio avviso è anche innegabile che tali titoli appartengano ad un’altra “era”, se mi passate il termine. Insomma, un remake di Final Fantasy VII con combattimenti a turni sarebbe stato un titolo “vecchio dentro”, oltre che inutile.

final fantasy vii remake cloudAltra polemica riguarda, più o meno giustamente, la conferma della divisione in parti/episodi, che saranno quindi rilasciati in tempi diversi. Ora, siamo onesti, visti i tempi biblici che stanno richiedendo Final Fantasy XV e Kingdom Hearts 3, davvero ve la sareste sentita di aspettare che uscisse FFVII Remake completo prima di poterlo provare? Vi ricordo che tuttora non abbiamo una data di uscita precisa per Final Fantasy XV, mentre Kingdom Hearts 3 è ancora più in alto mare con notizie, immagini e video che arrivano col contagocce.

Di conseguenza sì, per quanto io sia normalmente contro il digital delivery (eccezione fatta per gli indie), questa era l’unica soluzione per incominciare a giocarci in tempi decenti. Poi ovviamente si spera che una volta rilasciate tutte le parti digitalmente verrà distribuita anche una copia fisica nei negozi (magari anche per Nintendo NX), ma questo spero che sia abbastanza ovvio, visto che io e molti altri lo compreremmo due volte in questo modo. Il collezionista che c’è in me non è certo sparito, a maggior ragione per un remake che aspetto da anni.

aerithInfine la storia. È già stato confermato che ci saranno dei cambiamenti ed alcune parti saranno approfondite o realizzate meglio, a mio avviso già in parte lo si capisce dalla cura con cui sono stati realizzati personaggi “di contorno” come Biggs, Wedge e Jessie nell’ultimo trailer diffuso da Square-Enix. Quasi sicuramente gran parte della storia rimarrà tale, ma a voi non piacerebbe se ci fosse la possibilità di salvare Aerith, magari affrontando e sconfiggendo temporaneamente un potentissimo Sephiroth presso la Città degli Antichi, oppure portando a termine alcuni obbiettivi correlati, in stile Mass Effect 2? A me onestamente l’idea non dispiacerebbe per nulla, chissà se lo faranno.

Una cosa è certa: che fosse stato a turni o in tempo reale mi sarebbe interessato comunque, ma la scelta di inserire un sistema di combattimento action-oriented lo rende sicuramente più coerente e al passo con i tempi, a mio avviso. Stesso discorso per la distribuzione in parti, in modo tale da poterlo giocare man mano che procede lo sviluppo.

Lascia un commento