Marvel: Ultimate Alliance 2 – Recensione PS3/360

A cura di Vampirehunter

2006: Esce Marvel Ultimate Alliance, primo titolo action rpg dedicato agli eroi dell’omonima casa editrice e sviluppato da Raven Studio
2009: A distanza di 3 anni e con un passaggio del testimone, esce Marvel Ultimate Alliance 2.
Vicarious Vision è il team che ha raccolto il testimone con il compito di migliorare i difetti del primo gioco e ripresentare ciò che di buono aveva da offrire.
Questa serie racchiude gli eroi più significativi dell’universo Marvel in un action rpg votato al multiplayer sia offline che online.

Trama

MUA 2 continua la storia interrotta nel primo,  sviluppandosi sugli avvenimenti di Civil War. Il gioco non tratterà per filo e per segno la guerra tra la fazione Pro-registrazione e la fazione Anti-registrazione, ma la utilizzerà come cornice per svilupparci sopra una storia inedita.
Il gioco inizierà con un infiltrazione a Latvaria per conto della S.H.I.E.L.D per sventare un attacco terroristico. La missione avrà risvolti negativi e preparerà il terreno per gli eventi che sfoceranno in Civil War e in una trama che metterà in dubbio l’operato di Nick Fury e del Governo degli USA.

Caratteristiche tecniche

Il secondo capitolo della saga introduce alcune novità mantenendo l’ossatura del gioco quasi intatta.
L’aspetto più interessante è dato dalla modalità Fusione che ha incentrato il gioco maggiormente sulla cooperazione.
I personaggi giocabili sono in totale 23, più Iron Fist esclusiva per Xbox 360 e PS3 e, per chi ha preordinato il gioco, Juggernaut.
I Save Point sono stati eliminati, quindi, la partita si può salvare in qualsiasi punto del gioco e il proprio team è modificabile, anch’esso, in qualsiasi punto previo situazioni particolari.
La componente RPG-istica, purtroppo, è stata parzialmente tagliata: i costumi dei personaggi non hanno bonus , quindi la loro scelta dipende solo dal proprio gusto estetico, gli equipaggiamenti non sono più singoli, ma sono condivisi tra tutto il team. Questo aspetto è positivo durante le partite in co-op perchè nell’episodio precedente vi era una vera e propria caccia all’equipaggiamento migliore, però si perde un po’ di profondità tattica.
Un’altra componente RPG-istica modificata sono le abilità speciali: 4 abilità sono assegnate ai 4 tasti e altre 6 servono ad incrementare le caratteristiche del personaggio. Quest’ultime sono da sbloccare durante il gioco unendosi al fronte degli Anti-Reg o a quello dei Pro-Reg. Le abilità del singolo personaggio saranno, per lo più, individuali, poche volte conferiremo bonus di squadra come avveniva nel primo episodio.
L’esperienza è gestita finalmente nel giusto modo e ogni personaggio guadagna livelli ed acquista punti potenziamento in maniera indipendente.
Il sistema di combattimento è ora molto più fluido e dotato di auto-target sui nemici in modo che non vengano sprecati troppi attacchi speciali a vuoto.
Gli attacchi Fusione saranno molto importanti durante il gioco per superare orde di nemici o boss, peccato che l’assiduità di questi colpi porti a scontri, a volte, fin troppo facili. E’ vero che nel primo l’abilità Estrema non era poi molto utile contro i boss, però sembra che i Vicarious Vision non abbiano trovato il giusto rimedio.
In questo capitolo sono stati inserite anche delle sfide da fare durante il gioco come effettuare 20 volte un attacco ecc… per sbloccare obiettivi, ma soprattutto, equipaggiamenti e costumi per i propri personaggi.
Gli equipaggiamenti, però, saranno ottenibili anche durante le missioni del gioco, come sarà possibile sbloccare anche alcuni personaggi collezionando i loro rispettivi oggetti.
La grafica del gioco è ampiamente migliorata rispetto a 3 anni fa, le texture dei costumi sono molto definite, stesso discorso per i volti. Gli ambienti  del gioco non sono vari come nel primo però risultano sufficientemente elaborati, con i soliti oggetti distruttibili che conterranno nemici o punti esperienza.
Le collisioni sono, a volte, un vero problema e rischiano di minare l’esperienza del gioco: può capitare di vedere personaggi comandati dell’IA finire in zone apparentemente inaccessibili, soldati nemici che volano da soli o insieme ad altri personaggi, soldati che si rialzano nel vuoto per poi cascare miseramente.
Anche la gestione dell’IA, a volte, fa molto cilecca e può capitare che durante una missione non si riesca ad andare avanti perché l’ultimo soldato da sconfiggere si sia imbambolato metri indietro. Esclusi questi bug, anche al livello di difficoltà più elevato i soldati sono utilizzati dalla cpu come in qualsiasi altra difficoltà con l’eccezione che fanno più male, idem per i boss minori e i boss di fine livello.
Il sonoro del gioco non fa urlare al miracolo ma fa il suo lavoro utilizzando musiche buone per ogni situazione di gioco; il doppiaggio è di medio livello, ottimo su alcuni personaggi e sufficiente su altri.
La longevità del titolo è inferiore al primo capitolo e si attesta sulle 10 ore seguendo quasi esclusivamente la trama principale.
Durante il gioco saranno sbloccabili le missioni da portare a termine per ottenere medaglie, punti esperienza e equipaggiamenti. Inoltre a fine gioco la modalità replay è stata migliorata ed ora è possibile rigiocare le missioni del gioco come se fossero giocate per la prima volta (eccezione fatta per i collezionabili).
Gli obiettivi, come sempre, forniranno ancora più longevità al titolo anche se sono più facili rispetto al primo capitolo.
Il titolo offre anche la possibilità di essere giocato su Xbox Live per affrontare con altri giocatori la campagna in co-operativa.

Conclusioni

Marvel: Ultimate Alliance 2 doveva essere, per molti, il momento giusto per proporre un gioco del giusto spessore, visto ciò che il primo capitolo aveva mostrato, peccato che con il cambio del team di sviluppo il titolo si è spostato più sulla componente action che su quella rpg.
L’opera ha subito un passo in avanti sugli aspetti estetici e un passo indietro su quelli tecnici, rimanendo comunque un titolo appetibile per i fan e un buon passatempo per altri giocatori.

GRAFICA: 8
SONORO: 8
GIOCABILITA’: 7,5
LONGEVITA’: 8
TOTALE: 8

+ Storia ben strutturata, comprendente Secret War e Civil War
+ Sistema di combattimento migliorato
+ Co-operativa bilanciata
– Meno personaggi appetibili
– Meno profondità
– Poca sfida individuale, consigliata la difficoltà Leggendaria

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.