Jump Ultimate Stars – Recensione DS

Introduzione

Jump Ultimate Stars è un picchiaduro uscito alla fine del 2006 in Giappone, che unisce un collaudato sistema di combattimento alla straordinaria partecipazione di oltre trecento personaggi tratti dai manga di maggiore spicco (circa quaranta in totale) pubblicati dalla rivista nipponica Shonen Jump nel corso di questi ultimi anni.

Una gamma di personaggi per tutti i gusti

Il gioco si presenta come un coloratissimo picchiaduro 2D, capace di mettere in mostra fin da subito le capacità del DS grazie ad uno stile grafico particolareggiato e allo stesso tempo scorrevole. Senza troppi preamboli (giusto una storiella introduttiva completamente incomprensibile per i poveri occidentali che non masticano il giapponese), la modalità Avventura ci catapulta nel bel mezzo di un’arena, per un semplice tutorial che illustra le principali azioni eseguibili in combattimento. Di lì a poco iniziano le vere botte contro personaggi più o meno noti e, nonostante gli obiettivi delle missioni siano vari, si tratterà sempre di distruggere chiunque vi si pari di fronte utilizzando una delle tante risorse a vostra disposizione. Tali risorse sono molteplici, poiché è possibile schierare più personaggi ed effettuare sostituzioni al momento opportuno, combinare i loro attacchi e anche richiamare dei personaggi di supporto per eseguire un attacco veloce. La varietà è assicurata anche nel parco mosse di ogni singolo personaggio, che dispone di attacchi deboli, forti, a lungo raggio, verso l’alto, difensivi, ecc, la cui esecuzione è semplicissima e non richiede mai la pressione di più di un tasto abbinato ad una direzione. Tutto ciò va ovviamente a vantaggio del puro divertimento, che scaturisce a fiumi ad ogni partita.

Formiamo la nostra squadra di eroi

Ma la caratteristica innovativa che infonde freschezza a Jump Ultimate Stars e garantisce ad esso un insospettabile aspetto strategico, è il sistema di “costruzione” della squadra che affronterà i vari combattimenti: ogni personaggio (che sia uno dei lottatori, un supporter o altro non fa differenza) ha una specie di “carta” (denominata “koma”) che lo raffigura; quindi il giocatore andrà a costruirsi un vero e proprio mazzo di carte, rappresentato nel touch screen durante i combattimenti, avendo a disposizione uno spazio molto limitato nel quale inserire i koma; questo porterà a lunghe riflessioni visto che spesso la potenza di un personaggio è direttamente proporzionale allo spazio occupato dal suo koma. Ciò ha permesso agli sviluppatori di evitare abusi di koma forti semplicemente dando loro delle forme specifiche che impediscano di giocarli assieme. Infine, possono intervenire dei potenziamenti particolari nel caso in cui due personaggi vicini nella tavola siano in rapporti tra loro (Gohan con Piccolo, ad esempio, ma anche Goku con Arale o Ichigo con Rukia) per arricchire ulteriormente un gioco già abbastanza profondo di per sé.

Caratteristiche tecniche

La longevità del gioco in singolo non è esaltante, visto che il materiale sbloccabile finisce presto e spesso richiederà una buona conoscenza della lingua giapponese (è questo il caso dei quiz e delle schede informative sui manga). La responsabilità di portare avanti il divertimento viene quindi totalmente demandata alle modalità multiplayer, sia in wi-fi locale (che supporta il game sharing), che attraverso la WFC. Entrambe le modalità funzionano alla grande e consentono anche di impostare vari set di regole per gli incontri.

Grafica e sonoro

La grafica è deliziosamente 2D e mette in mostra le capacità del fido DS senza mai l’ombra di un rallentamento (neanche nelle partite multiplayer in 4 giocatori via game sharing!) e rappresenta ogni più piccolo particolare dei personaggi in modo magistrale e fedele alle opere originali, inoltre le illustrazioni dei koma sono ottime. L’interfaccia dei menu è molto chiara anche per chi non mastica il Giapponese.

Per quanto riguarda il sonoro, le musichette di sottofondo sono allegre e varie, ma non riescono a spiccare in quanto a qualità. Lo stesso dicasi anche per i vari effetti.

Conclusioni

Jump Ultimate Stars è un gioco consigliato a chiunque abbia la possibilità di giocarci in multiplayer, visto che quest’ultimo è il vero punto forte del gioco; inoltre è adatto anche a chi non conosca i manga di riferimento, visto che avrà comunque un picchiaduro ben realizzato, colmo di personaggi e con una buona dose di novità che arricchiscono l’esperienza di gioco.

Grafica: 8
Sonoro:6.5
Giocabilità:7.5
Longevità:9.5
Totale: 8.5

+ Aggiunto il multiplayer online
+ Nuovi personaggi
+ Sistema di combattimento riveduto per il bilanciamento…
– …ma ci sono ancora personaggi e koma sbilanciati
– Graficamente (soprattutto per alcuni personaggi) si poteva fare di più
– Sonoro sottotono

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.